Riposto multe e sequestri su oltre mezzo quintale di pescato

La Guardia costiera di Catania nell’ambito di controlli effettuati sul pescato ha disposto il sequestro di circa mezzo quintale di prodotti ittici non tracciabili – tra cui alici, gamberi sgusciati, sarde sfilettate, pesce spada e cernia.

Il sequestrato è stato effettuato dai militari della Guardia costiera in una pescheria di Riposto in provincia di Catania, insieme con circa 6 chili di polpa di ricci di mare conservata in 88 bicchieri. Il pescato è stato distrutto perché, dopo le analisi da parte dell’asp di Giarre è stato ritenuto non idoneo al consumo umano. Pertanto il titolare della pescheria è stato multato di millecinquecento euro per la violazione delle normative comunitarie in materia di tracciabilità della filiera del prodotto ittico.

Durante un’altra operazione, sempre a Riposto i militari hanno fermato un sub e da lui hanno recuperato 122 ricci di mare e 44 occhi di bue e sequestrato l’attrezzatura del sub che li aveva pescati. Il pescatore di frodo è stato anche multato per mille euro. Ricci e occhi di bue, la cui pesca è vietata, ancora vivi e vitali, dopo un visita sanitaria dell’Asp, sono stati rigettati in mare. Sono considerati di vitale importanza per la fauna marina del luogo ed il mantenimento dell’ecosistema.

Redazione – Catania Post

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More