Catania. Arrestata manager della prostituzione indoor

La polizia ha eseguito a Catania un’ordinanza cautelare nei confronti di tre persone, due donne di 31 e 47 anni e un uomo di 35, indagate per associazione per delinquere finalizzata all’esercizio di case di prostituzione e sfruttamento e favoreggiamento del meretricio di diverse ragazze, fatte prostituire in casa, la 31enne in particolare era una vera e propria manager della prostituzione indoor.

In particolare, la 31enne, posta agli arresti domiciliari, è accusata dalla Procura distrettuale di essere una “figura apicale dell’organizzazione, una “manager della prostituzione indoor”, che “si sarebbe occupata del controllo, amministrazione e direzione in prima persona di tre ‘case’, due a Catania e una a Misterbianco”.

La 47enne, invece, “avrebbe avuto il compito della co-gestione della casa di Misterbianco“. Il Gip ha disposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per lei e per l’uomo indagato. Al 35enne è contestato di avere “gestito, con la compagna 31enne, la casa di appuntamento celata sotto la parvenza di un B&b, nel centro storico di Catania, dividendo con lei gli utili” illeciti.

Altre tre indagati sono accusati di avere svolto i ruoli di addetti al centralino e alle prenotazioni dei clienti che, attraverso siti dedicati, telefonavano per fissare le prestazioni sessuali, con tariffe a partire da 50 euro, a seconda della tipologia di “servizio” richiesto. Tra i massaggi maggiormente “gettonati”, assicurati da quella che secondo la Procura distrettuale di Catania era “un’impresa a carattere essenzialmente familiare, erano i cosiddetti “Touch me” e “Nuru massage”.

Alla 31enne, percettrice di reddito di cittadinanza, è stata anche contestata l’omessa comunicazione nei termini, ovvero dall’agosto del 2020, di redditi da lavoro irregolarmente svolto in un negozio di abbigliamento a Catania. Nell’inchiesta, avviata nel febbraio del 2020 e denominata ‘Sex indoor’, sono confluite indagini della sezione Criminalità straniera e prostituzione della squadra mobile della Questura.

Redazione – Catania Post

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More